Quanto costa riscattare il serbatoio gpl

Riscattare il serbatoio GPL

Il GPL è sempre più diffuso come fonte di energia alternativa al gas metano, ma la maggior parte degli utilizzatori ha installato un serbatoio in comodato. Questa soluzione risulta più vantaggiosa al momento dell’installazione, ma l’obbligo di fornitura può comportare un aumento dei costi del gas. Una soluzione che può offrire un reale risparmio economico, è il riscatto del serbatoio. Ma si può quindi riscattare il serbatoio GPL? Per legge, tutti gli utenti possono riscattare il proprio serbatoio, e le condizioni devono essere indicate nel contratto. Con il riscatto il serbatoio diventa di proprietà: non esiste più alcun vincolo di fornitura e si evitano le spese e gli inconvenienti della rimozione.

Chi può riscattare il serbatoio GPL?

Come dicevamo, per legge tutti possono riscattare il proprio serbatoio. Dopo due anni di comodato d’uso o affitto ogni cliente, al termine della scadenza naturale del contratto, può diventare proprietario del bombolone, dopo averne fatta richiesta. Senza una comunicazione esplicita, che deve essere inviata al fornitore in forma scritta con raccomandata (per le modalità e i tempi di spedizione occorre accertare quanto stabilito dal contratto stesso), vale il tacito rinnovo, e dunque il mantenimento delle condizioni in corso.

Quanto costa il riscattare il serbatoio GPL?

Il costo per riscattare il serbatoio varia in base alle specifiche tecniche, prima tra tutte la tipologia e grandezza del serbatoio. Le condizioni di acquisto, in ogni caso, devono essere specificate nel contratto. In generale, vale una regola semplice: più anni sono passati, più basso sarà il costo del riscatto. In pratica, se un cliente avesse appena firmato un contratto e decidesse di risolverlo con un riscatto, pagherebbe molto di più che alla scadenza naturale del contratto stesso. Aggiungiamo che il contratto in affitto risulta più vantaggioso del comodato d’uso in caso di riscatto, perché una parte della somma dei canoni di affitto versati viene sottratta dal totale della spesa.

Quanto costa il mio serbatoio?

Il prezzo del riscatto del proprio serbatoio varia dunque in base alle condizioni specifiche dell’impianto e del contratto. Per valutare correttamente se davvero porterà un risparmio economico, occorre valutare tutti i costi, dalla fornitura della materia prima alle spese di gestione. Per avere un prospetto realistico, conviene affidarsi a reti di consulenti, come quelli di GPL Etico, che gratuitamente possono fare una valutazione per il riscatto del tuo serbatoio.

Leggi anche CAMBIARE FORNITORE GPL: CHI PUÒ FARLO E COME SI FA

5/5 (1 Review)

Post correlati